Amore · Dimensioni spirituali · Dio · qui e ora

La Verità è nel Silenzio

Quante parole! E io ne aggiungo ancora! E’ paradossale sapere che la Verità sta nel silenzio (a volte nel vento) e poi dover usare le parole per parlarne. La verità sta nel silenzio e nella pace del cuore. Non bisogna cercare altro che la pace del Cuore e il Silenzio che segue, oppure il Silenzio che porta alla pace del Cuore. Riesco a trovare questa pace sapendo che ho ferito, fatto del male, offeso e a mia volta sono stato ferito, umiliato e offeso? Si, senza remore o vergogna, mi metto in un’istante il cuore in pace, assaporo in un’istante il silenzio, pur sapendo del frastuono assordante del Mondo, pur sapendo  dei casini che ho fatto in passato, pur non vedendo un barlume di certezza nella mia vita, sono in pace, profondamente in pace e il silenzio mi avvolge come una brezza gentile. Sono nel MOMENTO ma sono anche in DIO e in Dio c’è solo Pace e Silenzio, DIO e l’ADESSO sono la stessa cosa. A chi ho fatto del male dico: vieni qui: tutto passa, a chi mi ha fatto del male dico: vieni qui non ha importanza. Se non credi in Dio ti dico vieni nell’ADESSO, troverai la stessa pace, lo stesso silenzio, se credi in Dio ti dico vieni nell’ADESSO, la fede non riguarda il futuro, ma cio che puoi essere e vivere qui e ora. Ma preferisco dire vieni in Dio che dire solo vieni nell’ADESSO, ecco in Dio c’è quel calore, quell’amore che fa dell’ADESSO un momento davvero perfetto, caldo, accogliente, beatificante, rigenerante…ora io sono solo in questo, in DIO per questo non ho più niente da dire a nessuno, perchè sono nel silenzio e nella pace, che sono la VERITÀ ultima della VITA. (Poi domani perdero questa pace e allora altre parole fluiranno su questo blog)

Shalom a tutti!

Annunci
Amore · anima · come crei la tua realtà · crescita personale · Dimensioni spirituali · Dio · Enlightment · felicità · spiritualità · Spiritualità.

Dio è Grande

Nel film The millionaire uno dei due fratelli finisce la sua vita pronunciando queste parole immerso in una vasca da bagno piena di banconote… Dio è Grande…., poi viene crivellato di colpi…non importa quanto dissoluta la tua vita possa essere stata, la sola cosa che conta è che prima o poi tu riconosca Dio. Questo riconoscimento è più facile quando si ha perso tutto, quando cioè l’Ego non entra in gioco con la sua razionalità, il suo scetticismo, il suo pragmatismo, etc. quando  l’Amore viene abbracciato completamente senza mettere in discussione più niente. Perché questo è Dio….AMORE… e riconoscerlo al di là del male che il mondo ci mostra è TUTTO. Noi siamo come dei computer ( EGO ), per quanto belli e sofisticati possiamo essere, senza una batteria che ci alimenta siamo solo uno schermo nero e piatto, l’elettricità è la SORGENTE, la presa è la nostra ANIMA. Senza questi due elementi, la nostra ANIMA e la SORGENTE la nostra vita sarà come quella di un computer spento: piatta. Poco importa il nome che diamo alla SORGENTE non è questo che conta, conta che noi la VEDIAMO, la RICONOSCIAMO, la SENTIAMO  cosi come vediamo e sentiamo e riconosciamo il sole e il suo calore, solo che questo è un sole invisibile che tocca il CUORE e non la pelle e gli occhi.

Cercate un nome che entra in risonanza, ma cercate qualcosa, perché senza siamo lampadine spente, la VITA viene dall’ANIMA e dalla FONTE da cui proviene, per alcuni è DIO per altri il VUOTO o il NULLA o non so che altro, non importa, importa solo che la vostra ANIMA risuoni sulle note infinite della CREAZIONE e della VITA nella sua IMMENSITA’ e GRANDEZZA. Cosi che qualsiasi cosa ci succeda, qualsiasi cosa viviamo, per grandi che siano i nostri errori, grandi le nostre pene e tribolazioni, NOI la sera prima di addormentarci possiamo dire in cuor nostro DIO E’ GRANDE..che poi tradotto vuol dire…. GRAZIE…perchè tutto ciò che esiste esiste per noi e siamo solo noi a delimitare i confini dell’AMORE che ogni giorno in abbondanza ci si offre….

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Amore · autoconsapevolezza · Cammini Iniziatici · Conoscneza · Dimensioni spirituali · Dio · Enlightment · Evoluzione · Senza categoria

Il vuoto

Quando avremo fatto il vuoto dentro di noi qualcosa del divino entrerà, prima  non ci sarà niente, ci saranno tante cose umane, pensieri, affetti, desideri, belli e nobili ma sempre e solo umani, il divino ha bisogno del vuoto in noi per entrare, o quantomeno per accennare a un possibile avvicinamento tra la nostra forma umana e quella angelica…il niente, l’assenza totale, di pensieri e sentimenti, l’annullamento di ciò che siamo, zero di tutto, ambizioni e sogni compresi, zero passioni, state pensando alla morte? E’ cosi…si muore per rinascere e nel momento che si passa da una forma all’altra si sperimenta il vuoto nulla, l’assenza di ogni cosa, come se non esistesse niente…Ora la misura di quanto siamo pieni è la misura di quanto siamo lontani dal Divino …non parlo di dio, dio qui non c’entra…dio è un’idea e nel vuoto nulla di cui parlo la prima cosa che viene eliminata sono le idee, il divino in noi è la perfetta armonizzazione della nostra frequenza energia con quella che muove l’universo e tutte le galassie nel loro insieme…L’amor che move il sole e l’altre stelle (Dante, Paradiso XXXIII,145) E questa è la ragione per cui l’uomo non comprende il divino, perché vuole farlo nella sua forma umana, sarebbe come volere imparare a nuotare senza entrare in acqua, per nuotare ci si deve spogliare, per diventare divini si fa la stessa cosa, ci si spoglia di tutto ciò che si è, e nudi si va verso la Luce…

PS. Se ti piace ciò che scrivo  o ti senti nutrito dalle mie parole, puoi offrirmi un caffè con ko-fi, Grazie!!!

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Amore · Anime · crescita personale · Dimensioni spirituali · Evoluzione · Senza categoria

Due tipi di persone, che evolvono o che regrediscono.

Le persone possono evolvere o regredire, come risposta alle stesse sollecitazioni, c’è chi si aprirà e c’è chi si chiuderà, partendo dallo stesso stimolo. L’uomo è libero e nessuna volontà divina interferisce in questo processo, chi sceglie di regredire o rimanere fermo che è la stessa cosa, fa una scelta che l’universo non sconfessa, chi sceglie di evolvere a sua volta non viene aiutato. La libertà è uguale per entrambe ma i risultati sono ovviamente molto diversi. Per prima cosa l’universo è sempre in evoluzione, quindi evolvere significa solo armonizzarsi con i processi in corso, regredire significa oppure resistenza, attaccarsi alle vecchie certezze, etc. Non è che i primi sono più bravi dei secondi o viceversa a seconda dei punti di vista, è che i primi, quelli che evolvono si armonizzano con l’intelligenza universale, i secondi si attaccano alla propria intelligenza ( o stupidità, dipende da persona a persona ma il risultato é lo stesso ). Molte persone intelligenti non evolvono per niente, mentre persone meno intelligenti evolvono più o meno facilmente.

Chi evolve non ha per forza un cammino migliore o più facile, al contrario, almeno i primi, gli apripista, hanno in genere un cammino piuttosto tribolato, perché si scontrano inevitabilmente con la Realtà ( La realtà è solo un pensiero collettivo condiviso, non esiste una realtà statica o immutabile ) Il che genera in chi regredisce la certezza di essere nella ragione, mentre chi evolve da questo punto di vista è nel torto. Più la mia realtà mi rassicura perché dimostra che ho ragione, più regredisco, più al contrario accetto il dubbio, l’incertezza, il “non so”, più evolvo. Evolvere è sempre andare verso il buio, l’ignoto, regredire è andare verso il certo, il conosciuto, la sicurezza. Le persone che riescono spesso falliscono, le persone che falliscono succedono, nel senso che vanno oltre. Ora non è il caso di puntare il dito verso uno o l’altro tipo perché in ogni essere umano ci sono entrambe gli atteggiamenti…quando sopraggiunge la paura regrediamo, quando ci abbandoniamo all’amore evolviamo…detto questo per chi evolve e veglia sui processi di regressione, la compagnia di persone che regredisce è nefasta, perché questi basano la loro vita e la loro identità su certezze fragili che chi evolve sconfessa anche con la sola presenza…per cui chi regredisce attacca chi evolve, per riportarlo all’ordine costituito, quello difeso dalla società e nutrito dai mezzi di comunicazione di massa. Nel medioevo le streghe venivano bruciate, oggi gli individui vengono isolati, anche dai propri cari….

Buy Me a Coffee at ko-fi.com
 

 

 

Cammini Iniziatici · Cristo · Dimensioni spirituali · Dio · Ego · giudizio · Illuminazione · Risveglio · Spirito · Spiritualità. · Uomo · verità

Genitori e figli

L’anima del figlio/a sceglie il genitore per due ragioni:

1- La prima per lavorare su aspetti della propria anima che ancora vanno smussati, levigati, addolcì, perché questa risplendi di luce propria.

2-La seconda invece è la funzione dello specchio: il figlio mostra al genitore attraverso il suo carattere, le sue qualità e i suoi difetti, tutta ciò sui cui invece il genitore deve lavorare.

L’anima del figlio è sempre più matura di quella del genitore, è quasi sempre un’anima più vecchia, quindi più saggia; questo non vuol, dire che sappia vivere nel mondo meglio dei genitori. La vita terrena è qualcosa che i genitori insegnano ai figli indipendentemente da quanto i figli siano evoluti: Maria era una donna semplice rispetto a Gesù, suo figlio, malgrado ciò le cose essenziali Gesù le ha imparate da Maria, sua madre,  prima che Maria potesse imparare da Gesù.

Prendo Maria perché è un caso estremo, Maria vede morire suo figlio in croce per mano di criminali, Maria vede suo figlio consegnarsi in mano ai criminali stessi, per essere giustiziato, si può immaginare qualcosa di più terribile? Si! Molti genitori hanno figli con grandi handicap, altri sono dei criminali a loro volta o tossicodipendenti. I borghesi felici e compiaciuti della loro famiglia stile mulino bianco guardano a queste famiglie con commiserazione ( non con compassione, che sarebbe con – amore ) Vedono solo la disgrazia, la sfortuna, ma disgrazia e sfortuna non esistono nell’universo, non sono energie, non sono forze, non sono niente, sono solo parole che gli uomini usano quando non sanno spiegarsi qualcosa…

Dietro ogni cosa che vediamo c’è sempre una ragione, per quanto paradossale sia, dietro ogni cosa, per drammatica che sia c’è sempre una sola e unica forza…questa forza è l’Amore, un’ Amore cosi grande come pochi sperimentano sulla terra, perché per vivere, sentire e capire questo amore, si deve andare oltre il giudizio, si deve essere capaci di rimanere immobili in equilibrio dentro l’anima e osservare con sguardo disincantato ciò che accade attorno a sé…si deve in altre parole vedere le cose del mondo cosi come le vede Dio, cosa che tutti possono fare, senza pregare e senza fare nessun esercizio…ma “solo” astenendosi dal giudizio…

E’ veramente buffo  osservare gli uomini, perché sanno fare cose pazzesche, cose meravigliose e certo anche cose orrende, ma una cosa che non sanno fare è NON GIUDICARE,  continuano a giudicare in modo logorroico, è una specie di diarrea dell’Anima, qualcosa che le person non riescono a contenere…GIUDICARE non è amorale, non è una cosa cattiva, è la cosa più stupida che si possa fare, GIUDICARE è da stupidi, perché chi giudica non ha capito che giudicando chiude la mente, il cuore e cosi infine l’anima stessa e si confina dentro il suo stretto giardino, che per grande e ricco che sia rimane un giardino rispetto all’Universo…

Non giudicate, per non essere giudicati;  perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati.  Perché osservi la pagliuzza nell’occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio?  O come potrai dire al tuo fratello: permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio, mentre nell’occhio tuo c’è la trave?  Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e poi ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello. ” ( Matteo 7 )

 

Coscienza · crescita personale · digiuno · Dimensioni spirituali · dolore · felicità · Spirito · Spiritualità.

Essere il Medico di se stessi

Per essere il vostro stesso medico e quindi il vostro miglior amico, dovete saper fare tre cose

1-digiunare

2-conneteervi con forze spirituali più grandi si voi

3-essere capaci di osservarvi da fuori

Inizio dal terzo punto. Se non riuscite a vedervi da fuori,  non riuscite nemmeno a fare la vostra diagnosi, dal momento che nessuno la fa per voi, per poterla fare dovete essere distaccati. Se vi identificate con il dolore, il dolore prevale su tutto e vi acceca, vi toglie la lucidità di cui avete bisogno per capire perché avete creato quella malattia, quella situazione, etc.

Per questa ragione avete bisogno di forze spirituali più grandi di voi, perché questo compito da soli è quasi impossibile, nel momento che abbandonate l’identificazione con la vostra mente, con la vostra personalità, non  sapete più chi siete e questa cosa vi può far impazzire, nel momento che mi connetto con forze spirituali, ristabilisco anche il contatto con la mia anima e posso fare a meno della mia personalità, che è la causa e l’origine di ogni male ( anche di ogni bene, di tutto insomma ).

Terzo: digiunare vi permette sia di ristabilire il contatto con il vostro corpo, che con la vostra anima, che con le forze spirituali. Perché? Perché il vostro corpo è intossicato da mille veleni presenti nell’aria e nel cibo, nel dentifricio, per chi vive in città nell’acqua che beve. Ma sopratutto è intossicato dal TROPPO cibo, anche se mangiaste la metà di quello che mangiate avreste tutta l’energia di cui avete bisogno, quella metà in più inutile fermenta nell’intestino , produce tossine che finiscono nel sangue e avvelenano il cervello. Un corpo malato, è uno strumento scordato, pertanto non in sintonia, non sulla frequenza, vibrazione delle forze spirituali che sono qui per sostenervi nel vostro cammino. Tutto parte dal corpo, perché anima e copro sono una sola cosa sulla terra, guarendo uno guarisco l’altro, ma solo se per sui due piani, per questo si dice che non c’è male che il digiuno e la preghiera non possa guarire. Io non prego, ma per preghiera si intende comunicare con le forze dello Spirito, comprese quelle presenti in Natura.

Se diventate il medico di voi stessi, cosa che quasi tutti possono realizzare, potete gestirvi da soli a costo zero, anzi risparmiate, perché digiunando non dovete nemmeno andare a fare la spesa. La sola cosa che aggiungo e che in questo processo ci sono molte erbe che vi possono aiutare nel processo di disintossicazione, molte meditazioni che facilitano la connessione e infine aiuto di qualcuno che sa cosa state facendo perché l’ha già fatto, non perché l’ha letto o l’ha studiato.

Aggiungo un quarto punto, che in un certo senso è il più importante: Non potete aver paura della morte, perché questa paura è paralizzante, sia durante il digiuno, sia quando lasciate la vostra personalità, vi sembra di morire, ma non morite fisicamente, qualcosa muore in voi , questo si, muore l’attaccamento malato che avete con voi stessi e vi aprite a qualcosa di completamente nuovo, vi affidate a forze più grandi di voi…

…non si tratta di solo di stare bene e non di stare male, si tratta di vivere in armonia con l’Universo o continuare a trincerarsi dietro il proprio ego e quindi a difenderlo a spada tratta, continuare cioè a vivere schiavi della realtà….

Amore · Dimensioni spirituali · Dio · Illuminazione · Risveglio · Spiritualità.

Nel profondo del mio Cuore

Nel profondo del mio Cuore prego perché tu scopra Dio, lo conosca e impari ad amarlo, poco importa il nome che gli dai, ciò che conta é che tu scopra in te stesso lo stesso principio che ti trascende, che ti restituisce a te stesso, che ti riporta alla tua Essenza…

Rimarrai pur sempre un uomo e come ogni uomo cadrai innumerevoli volte sul cammino della redenzione, farai errori, dopo errori, anzi ne farai più di prima, e più di prima inciamperai, cadrai, ti farai male, perché solo chi corre veloce verso il Sole cade, mentre chi sta fermo a guardare non cade mai, ma nemmeno conosce l’ebbrezza del volo….

Nel profondo del mio Cuore ho un solo desiderio, che tu riconosca Dio in te stesso, perché quando questo avviene, io e te diventino una sola cosa, diventiamo ciò che eravamo all’origine, all’inizio del nostro cammino…diventiamo Uno, oltre la divisione, la differenza…non sono queste le parole che sei chiamato a riconoscere, ma quelle che sgorgano direttamente dal tuo cuore…io, queste parole, noi non siamo niente, se non si accende in NOI la scintilla divina, ciò che ci divide finisce per ucciderci, ciò che ci unisce ci vivifica e potenzia all’infinito…e questo solo Dio può farlo, né tu né io, ma L’Essenza stessa del nostro essere, oltre ogni forma di pensiero, oltre ogni religione o credo…

ma solo nel Tuo Cuore!!!!!!