autoconsapevolezza · conoscenza · crescita personale · Illuminazione · libertà · Medico di se stessi · Risveglio · Spiritualità. · verità

10 linee guida di un’Anima Sana

1- Credi solo a te stesso, leggi, informati, ascolta ma sempre con distacco e disincanto, nessuno può sapere cosa è giusto per te, NESSUNO! IL tuo Maestro supremo è il tuo Corpo se impari ad ascoltarlo saprai tutto di te. Il corpo è il tempio dello spirito.

2- Non lasciarti guidare da nessuna paura di nessun genere: la paura di rimanere solo, la paura di non avere soldi, la paura di morire. Nessuna paura deve guidarti, lasciati guidare invece dal tuo istinto, dal tuo intuito, dalla tua voce interiore anche se in totale disaccordo con tutto e con tutti!

3-Non curarti dei giudizi altrui, lascia che gli altri pensino di te quello che vogliono, sono affari loro! Se ti criticano, se ti giudicano, è la loro reazione, non la tua Essenza. Il giudizio degli altri è irrilevante, ciò che conta è che la sera quando vai a letto il tuo Cuore sia in pace.

4- Cura prima di ogni altra cosa la pace del cuore. Non c’è cosa che conti di più per la tua vita e per il mondo intero della Pace del tuo cuore! È bello fare la raccolta differenziata, pensare all’ambiente ma ricorda che i tuoi pensieri confusi e non armoniosi inquinano molto di più della plastica. I pensieri discordanti sono la prima fonte di inquinamento, la plastica e tutto il resto solo un riflesso.

5-Cura e rafforza il tuo corpo, senza un corpo sano e forte qualsiasi verità che senti nel tuo cuore non sarai in gradi di viverla. Digiuna, prega fai yoga o qualsiasi altra disciplina faccia crescere la tua forza, la tua concentrazione, il tuo equilibrio, il tuo potere.

6-Impara dai grandi Maestri, poi vai avanti da solo. Nessun Maestro vorrebbe vedere i suoi allievi inginocchiati a pregare in loro nome, non sono venuti in questo mondo per creare discepoli, ma per darti gli strumenti per far di te il Maestro di te stesso. Buddha , Gesù o qualsiasi altra guida spirituale, sono line guida, la tua strada la devi creare da solo.

7-Evita droghe, alcool, fumo e qualsiasi sostanza alteri la tua coscienza, se vuoi vivere in accordo con l’Anima, la tua coscienza deve essere limpida altrimenti non saprai né chi sei né dove sei diretto. Le droghe sono nefaste per l’anima e tutto ciò che ti fanno scoprire sono solo illusioni della mente. Un guerriero dello Spirito non si fa una canna per rilassarsi, usa la sua mente per raggiungere stadi di coscienza superiori. Uso la parola guerriero perché il cammino spirituale è pieno di insidie e come diceva Gesù. Siate astuti come serpenti e puri come colombe (Matteo 10,16) Capito? Puri si, ma non ingenui, al contrario Astuti. L’intelligenza è lo strumento supremo!

8-Assumiti le tue responsabilità al 100%. Sebbene il Mondo è quello che è, la tua Vita è nelle tua Mani e sei tu che la plasmi, rispetta le regole e le leggi ma creati il tuo spazio anarchico di libertà assoluta. Ricorda che sei tu la causa e l’origine di ogni bene e male, non la società, non il sistema, non gli altri. Niente e nessuno possono farti alcun che se sei nel tuo Potere.

9- Ogni volta che ti affidi ad un’esperto, medico o quant’altro, perdi il tuo Potere, perdi la capacità di comprendere e discernere e diventi un consumatore di beni e servizi. E sei libero di farlo, ma non lamentarti poi se qualcosa non va come vuoi, non puoi mettere la tua vita, la tua salute nelle mani di persone che non conoscono la Natura Umana. Il corpo è il riflesso dell’Anima, è conoscendo la tua Anima che capirai il tuo corpo e perché si ammala. Devi scendere nella profondità di te stesso oltrepassando dubbi, paure e angosce e là in fondo troverai tutte e verità che cerchi.

10- Vivi nel presente, nel qui e ora, passato e futuro esistono solo nella tua mente e consumano il presente che è la sola e unica realtà. Se ti lasci prendere dall’ansia sei nel futuro, dalla nostalgia nel passato. Qualsiasi cosa tu abbia vissuto, bella o brutta è passata, lasciala andare. Qualsiasi cosa ti preoccupa non c’è ancora quindi evita di crearla con i tuoi pensieri, Se vivi nel presente vedrai che la Vita è Magica in ogni istante e ti rivela qualcosa di importate per il tuo cammino, le informazioni per il tuo futuro sono nel presente, la cura per il tuo passato è nel Qui e Ora. Guardati attorno, guardati dentro e tutto quello che cerchi lo troverai, guarda altrove, guarda lontano e ti perderai!! A te la scelta, in ogni istate scegli la qualità di quello che segue.

HARI OM, Mathias

Annunci
Amore · autoconsapevolezza · Cammini Iniziatici · Cristo · Cuore · Spirito · Uomo

Dio vuole il meglio x te!!!

Dio vuole il meglio per te per questo ti toglie tutto ciò che non è alla tua altezza. Tu per Dio sei la cosa più incredibile che esista sulla terra, e se qualcuno non vede questa cosa incredibile che sei, la vita te la toglie… Non devi mai accontentarti, mai essere stupidamente modesto o falsamente umile come la religione ti insegna, devi pretendere sempre il massimo, perché tu sei il Massimo, tu sei il Meglio che esiste e devi pretendere il meglio!!!! Sei creato a Sua immagine e somiglianza, sei un dio in miniatura, certo sei  un po maldestro, fai un sacco di errori, ma questo fa parte del cammino, chi scala le montagne sa che non è possibile evitare sempre di cadere, ma prima o poi la cima la raggiungi !!!! Dio ti dice una sola cosa: amati figlio mio tu sei perfetto, se qualcuno non vede la tua perfezione lascialo andare ( eventualmente lo tolgo IO di mezzo….

Non circondati di gente mediocre, scettica, stupida…circondati sempre del meglio! Circondati solo di gente che ti ama, non ti imbecilli che ti criticano dicendoti che lo fanno per te, la sola cosa che qualcuno può fare te è amarti, gli altri mandali al diavolo…Questo vuole la Vita da te, nient’altro che tu dia a te stesso il massimo e che non ti accontenti di niente che non sia alla tua altezza ( vibrazione energetica ) poi come diceva sempre l’amato fratello Jeshua, chi ha le orecchie per capire capisca….per gli altri non c’è speranza!!!

Se non mi ami non esisti

( Mathias )

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Amore · autoconsapevolezza · Cammini Iniziatici · Conoscneza · Dimensioni spirituali · Dio · Enlightment · Evoluzione · Senza categoria

Il vuoto

Quando avremo fatto il vuoto dentro di noi qualcosa del divino entrerà, prima  non ci sarà niente, ci saranno tante cose umane, pensieri, affetti, desideri, belli e nobili ma sempre e solo umani, il divino ha bisogno del vuoto in noi per entrare, o quantomeno per accennare a un possibile avvicinamento tra la nostra forma umana e quella angelica…il niente, l’assenza totale, di pensieri e sentimenti, l’annullamento di ciò che siamo, zero di tutto, ambizioni e sogni compresi, zero passioni, state pensando alla morte? E’ cosi…si muore per rinascere e nel momento che si passa da una forma all’altra si sperimenta il vuoto nulla, l’assenza di ogni cosa, come se non esistesse niente…Ora la misura di quanto siamo pieni è la misura di quanto siamo lontani dal Divino …non parlo di dio, dio qui non c’entra…dio è un’idea e nel vuoto nulla di cui parlo la prima cosa che viene eliminata sono le idee, il divino in noi è la perfetta armonizzazione della nostra frequenza energia con quella che muove l’universo e tutte le galassie nel loro insieme…L’amor che move il sole e l’altre stelle (Dante, Paradiso XXXIII,145) E questa è la ragione per cui l’uomo non comprende il divino, perché vuole farlo nella sua forma umana, sarebbe come volere imparare a nuotare senza entrare in acqua, per nuotare ci si deve spogliare, per diventare divini si fa la stessa cosa, ci si spoglia di tutto ciò che si è, e nudi si va verso la Luce…

PS. Se ti piace ciò che scrivo  o ti senti nutrito dalle mie parole, puoi offrirmi un caffè con ko-fi, Grazie!!!

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Amore · Anime · Ascensione · autoconsapevolezza · Coscienza · Enlightment · Entità di Luce

Il processo di ascensione

Il processo di ascensione consiste nel cammino dell’Anima verso l’Amore assoluto, che contrariamente all’amore sentimentale ed emotivo richiede il distacco o quantomeno il disincanto dalle relazioni, dagli amori, dagli affetti, da ogni relazione che invece di liberarci ci incatena ancor di più alla realtà…non è una passeggiata…va contro ogni logica, ogni buon senso comune…uno potrebbe anche chiedersi perché mai intraprendere un cammino simile visto che gli amori e gli affetti sono ciò che danno colore alla nostra vita, la riempiono, gli danno senso…la verità è che non si tratta di andare a vivere come un’eremita, al contrario si tratta di stare quanto più possibile con gli altri per offrir loro un amore più raffinato, più sottile, più elevato, un amore capace di trasfigurare le coscienze stesse e portare l’Anima alla liberazione…perché solo e soltanto quando l”anima è libera e davvero in grado di amare, prima non fa che legarsi, manipolare, giocare, etc…

Questo processo come ho spiegato più volte è un processo fisico, legato al corpo e al respiro, alla guarigione dalle ferite che impediscono all’energia di fluire. Le ferite creano dei blocchi, i blocchi impediscono di amare con cuore puro, perché l’energia si va ad impigliare in essi invece che liberarsi e fluire verso il mondo, gli altri, la vita…Ogni malanno, malattia fino al tumore è originato da un blocco energetico, se noi siamo in grado di essere dei canali aperti, e quindi di respirare Amore con ogni cellula del nostro corpo, nulla ci può toccare, nessun virus, nessun batterio, niente di niente, se ci ammaliamo è perché le nostre cellule non brano più in armonia con la Sorgente,…ma non è solo una questione energetica, psichica e anche e sopratutto fisica, se il corpo è pieno di schifezze e non viene mai pulito alla lunga tutto si intasa e anche la mente più intelligente non può riequilibrare una degenerazione simile…

 

Amore · autoconsapevolezza · Coscienza · crescita personale · dolore · ferire · Ferite dell'Anima · Guarigione · Guarire · malattia · male · medicina

Il teatro dell’Ego e le ferite dell’Anima

Il teatro dell’Ego si nutre della malattia, dipinge e ridipinge la maschera che nasconde la vera causa: la causa è sempre una ferita o più ferite dell’Anima. Finché rimaniamo dentro il nostro stesso teatro, la ferita non la vediamo nemmeno, siamo tutti presi dalla malattia, se poi andiamo da un medico o da un psicologo è anche peggio, perché il teatro va sul palcoscenico, intervengono gli specialisti che si danno da fare per curare qualcosa che non si può curare, dal momento che è una messa in scena. Quando ci riescono, semplicemente bloccano quell’energia, che prima o poi uscirà da un’altra parte. Un signore mi ha detto che a lui certi sintomi compaiono solo quando lavora, se smette spariscono anche i sintomi. Quindi la causa è il lavoro? No! La causa è ciò che mi spinge a fare quel lavoro che mi fa male e le scuse che uso per continuare a farlo! Quella è la causa, non il lavoro in sé. Una signora mi dice che ha sempre mal di pancia, le dico di digiunare, mi dice che non riesce, che il mal di pancia peggiora. Il mal di pancia come qualsiasi altra cosa peggiorano all’inizio del digiuno per poi sparire definitivamente. Ma basta davvero il digiuno? No! Il mal di pancia come qualsiasi male proviene da una ferita, la ragione per cui continuo a mangiare è che non voglio vedere quella ferita, preferisco lamentarmi del mal di pancia o prendere una pastiglia che almeno per un po allevia i sintomi. Il digiuno serve solo se assieme mi prendo il tempo di guardare dentro di me e accettare ciò che emerge dalla mia Anima, per poi accogliere il male, abbracciarlo dargli amore e continuare senza quella malessere, quella malattia, quel tumore, etc…

Come vedete è relativamente semplice, che cosa lo rende cosi difficile? Solo una cosa, l’incapacità di lasciar andare l’Ego per un viaggio ignoto che ci conduce all’Anima, L’incapacità di lasciar andare ciò che conosciamo, per qualcosa di cui non sappiamo molto; preferiamo il male a un possibile bene, preferiamo la compassione a un possibile vero amore, non perché sono migliori ovviamente, ma perché sono in qualche modo garantiti, mentre l’Amore è sempre fluido, in divenire, inaffidabile, etc..Per l’Ego è insopportabile, intollerabile che gli si dice che la sua malattia è una messa in scena, è un teatro, che non è reale, non è vera, ma come ho delle fitte lancinanti alla pancia e mi vieni a dire che non sono vere??? Le fitte lancinanti alla pancia sono il suono della sirena che avvisa del pericolo, il pericolo pero non è il suono, cosi come le fitte non sono la ragione del male che provo, ma solo il segnale che qualcosa NON VIENE AFFRONTATO… NON VIENE GUARDATO…

I bambini fanno peste e corna per ricevere attenzione, cosi fa la nostra anima attraverso il male perché ci si rivolga a lei…ma noi cosa facciamo? Mettiamo a tacere il male cosi la nostra anima deve andare ad esprimersi attraverso un’altro organo, e cosi all’infinto.Oppure facciamo il contrario, continuiamo parlare del nostro male invece di decifralo e capire cosa ci sta dicendo, in entrambe i casi o buttiamo acqua sul fuoco ( Medicine ) o benzina, parlandone e lamentandoci in continuazione…qualcuno che ti ascolta lo trovi sempre, solo che non ti fa un regalo, al contrario ti aiuta a buttare benzina sul fuoco…ma naturalmente come fai a non ascoltare quel poveretto???? Ascoltandolo lo fai diventare ancora più poveretto, mentre se nessuno lo ascoltasse prima o poi dovrebbe ascoltare se stesso…ma come ho già detto a noi piace troppo il teatro passionale dell’ego con i suoi drammi e i suoi mali, alla televisione ci rinfilano serie su serie dove questi drammi che già viviamo durante il giorno, li riguardiamo anche la sera…

Vuoi fare davvero qualcosa per migliorare il Mondo e la Vita degli uomini?

Smettila di alimentare i tuoi e gli altrui drammi, attraverso le tue parole e l’ascolto! Il malato non deve essere ascoltato, l’ascolto è il suo pane, se vuole davvero guarire ci sono mille modi per farlo, ascoltandolo non fai che nutrire la sua malattia e se ti va male nutrirla persino in te, anche se in modo latente. Quello che puoi fare invece è aiutare chi sta male a vedere la vera causa e assieme accogliere quel dolore, affinché smetta di urlare. Quello che puoi fare è dare Amore, senza permettere all’Ego di recitare il suo teatro inutile dannoso e assieme vivere la pena dell’altro, perché ogni pena, ogni ferita è qualcosa che riguarda tutti noi, ma la malattia non è la ferità, smettila di nutrire una e accolti l’altra, in questo modo guarisci te stesso, l’altro e il mondo intero!!!

Ridi!!! La risata è già mezza terapia!!

autoconsapevolezza · Cammini Iniziatici · Coscienza · Cristo · Spirito

Il Seme Cristico

Accogliere il seme Critico dentro di Sé e non perdere più tempo con le faccende dell’Ego, agire senza chiedersi perché, nella fiducia, non perdere energia nelle relazioni, di coppia, della famiglia, di lavoro. Andare a avanti perché si è già arrivati, non c’è più tempo per altro, lasciare indietro chi non tiene il passo. ESSERE AMORE, smettere di cercarlo, elemosinarlo, e perfino di darlo, la parola é ESSERE, IO SONO. Evitare le discussioni, non entrare nei dibattiti, sorridere e guardare avanti. Chi capisce capisce, chi non capisce avrà altre vite per farlo. Il seme dentro di te non nasce se tu non lo fai nascere, l’energia Cristica dentro di te non si attiva se non l’attivi. Ogni residuo dell’EGO è un freno, ogni VOLONTA’ é remarsi contro. Abbandonarsi, lasciar andare e lo ripeto ESSERE; ESSERE PURA COSCIENZA, oltre le emozioni, oltre i pensieri. Il cammino di sviluppo è lungo quindi non perdere altro TEMPO, la perdita di tempo è fatale, non per il tempo in sé che non esiste, ma per la tua ENERGIA CRISTICA che non si sviluppa…se non si sviluppa ADESSO… non ci sarà più tempo per farlo DOMANI, per la semplice ragione che domani NON è una dimensione, ma un’illusione dell’EGO e della MENTE. Lasciar andare, abbracciare, morire a se stessi, NASCERE….

Amore · Anime · autoconsapevolezza · come crei la tua realtà · crescita personale · Ferite dell'Anima · Natura · Quarta Dimensione · Spiritualità. · Uomo · Vita

Guarire le ferite

Solo noi possiamo guarire le nostre ferite. Nessuno può farlo per noi, nessun può darci ciò che non siamo in grado di dare a noi stessi. Se pensiamo di meritare di più dalla Vita, significa che non siamo in grado dai dare a noi stessi il valore che vogliamo, allora lo pretendiamo dagli altri, da un fuori generico che chiamiamo vita, fortuna, dio o quant’altro. Ma dal momento che tutto ciò che viviamo siamo noi stessi a generarlo, se quello che ci torna non ci piace significa solo che stimo generando pensieri e sentimenti discordanti e di non amore, di non valore. Questi sentimenti nascono dalle nostre stesse ferite che non riusciamo ad integrare e che anzi continuiamo a credere che debbano essere risolte, elaborate, superate. C’è un gran da fare in giro di gente che corre da un seminario all’altro, da un “Maestro” all’altro, da un libro all’altro senza mai trovare la pace in sé, perché questa pace nasce solo quando TUTTO di noi è accolto, accettato e AMATO incondizionatamente. MA è difficile lasciar andare l’idea folle che dobbiamo migliorarci, dobbiamo diventare più spirituali, dobbiamo essere più capaci di esprime l’amore cristico o angelico o divino o incondizionato. NON DOBBIAMO NIENTE!!!  E prima la smettiamo di pretendere di essere altro da ciò che siamo, prima ameremo noi stessi per quello che siamo. Io non esprimo l’Amore Cristico perché questo è una specie di SUPER AMORE  da distribuire in dolci pillole che confortano le anime perse e disperate,  IO SONO IL CRISTO STESSO, dal momento che vivo la mia specifica natura. La mia specifica natura è come quella di una pianta o di un’animale, un larice è un larice e un cane è un cane. La Natura è l’espressione perfetta del divino, l’uomo al contrario è l’espressione di se stesso, delle sue scelte o non scelte e ridiventa divino quando ritrova se stesso, quando l’ombra che lo tormenta e disturba torna a far parte della Luce, dell’ESSERE CHE E’ COSI COME E.